Responsabilità ambientale

“MANGIARE SANO PARTE DALLA PRESA DI POSIZIONE DI UN CONTADINO E NELLA SUA PERSEVERANZA NELLA RELAZIONE CON LA TERRA”

La Società Agricola Raffetta è composta da un corpo principale di trenta ettari circa, di cui la maggior parte sono impiegati a regime di agricoltura integrata nella produzione di riso medio Vialone Nano (1937) soia e mais per la vendita nazionale e per l’alimentazione dei capi di bestiame suini, bovini ed equini dell’Azienda Agricola Gecchele e Figli, nostri primi cugini, i quali gestiscono il nostro fondo.
 Su di un’area più piccola che attualmente conta 5 ettari, e che ogni anno “rosicchia” qualcosa alle altre produzioni, stiamo coltivando seguendo il calendario lunare della biodinamica e i dettami dell’agricoltura naturale per le operazioni in campo.
Qui coltiviamo grani antichi di frumento tenero e duro, farro monococco, mais antichi, orzo distico per birrificazione e canapa industriale.
Questi appezzamenti, ma anche la risaia, sono il fiore all’occhiello dell’azienda.

ESISTE UNA RESPONSABILITÀ AMBIENTALE QUASI MAI CONSIDERATA. CHI COME NOI HA IL DOVERE ED IL PIACERE DI ACCRESCERE PER PRESERVARE.

Per ridurre il nostro impatto ambientale vent’anni fa abbiamo piantato un bosco di essenze autoctone e costruito una zona di stagno con canneti circondato da arbusti e cespugli per gli uccelli migratori.

UTILIZZIAMO TECNICHE COME LE CONSOCIAZIONI CON I TRIFOGLI, GLI ERBAI MISTI DI LEGUMINOSE INVERNALI E PRIMAVERILI, I SOVESCI E LA PACCIAMATURA, NON LASCIANDO MAI IL CAMPO SCOPERTO.

Da alcuni anni stiamo ripiantando siepi di arbusti autoctoni attorno al perimetro di tutta l’azienda ed in alcuni punti cespugli di erbe aromatiche e fiori per la conservazione della biodiversità, ciò ispirandoci alla permacoltura per ricreare un ambiente naturale vivibile e godibile, non unicamente visto come lavoro, ma altresì come piacere.
Da quest’anno ai margini degli erbai, in mezzo alle aromatiche ed ai fiori saranno presenti alcune arnie dove le api produrranno il miele.
L’ape è simbolicamente indice di salubrità e di resistenza della decrescita felice.